Post in evidenza

VINCO IL 17° ED. PREMIO DI LETTERATURA PER RAGAZZI G. ARPINO

Un GRAZIE di cuore alle giurie composte esclusivamente da bambini e ragazzi! Onoratissima di riceverlo da voi! Un abbraccio immenso e mi...

lunedì 24 gennaio 2011

Piccolo lettori crescono: { Rosa Bianca - La Storia di Erika }

Pillole di Saggezza :{ La mano che dona una rosa ... }

"La mano che dona una rosa, ne serba sempre il profumo"
~ Hada Bèjar ~



venerdì 21 gennaio 2011

W la creatività: { Come fare una borsa ecologica }

VIA PINTEREST

Ecco un'idea ecologica, non mia ma della mia creativa amica Grace Bonney, io l'ho solo realizzata con le spiegazioni e le foto,  per quando andiamo a fare la spesa o semplicemente per creare una borsa di stoffa, bicolore, monocolore, per l'estate, per il mare e chi più ne ha più ne metta.

Per realizzarla occorre un po' di pazienza, non è difficile solo bisogna seguire i passaggi con calma, il risultato è ottimo, la borsa è resistente perchè doppia.

Occorrono due pezzi di stoffa, forbici, una stringa di cuoio oppure la tracolla di una vecchia borsa, occhielli di metallo, martello e la macchina da cucire. ( Potete cambiare il modello sostituendo alla stringa di cuoio e gli occhielli 1 o 2 strisce di stoffa per fare la tracolla, il modello è universale:)
So che non tutti hanno una macchina da cucire, se conoscete qualcuno che ce l'ha fatevela prestare per 15 minuti, il tempo che occorre per cucire questa borsa, altrimenti se avete intenzione di fare qualche acquisto so che in molti supermercati,  i modelli semplici non costano tanto e può sempre tornare utile.
Si inizia sempre dalle piccole cose poi se ci si appassiona, può diventare davvero utile.

Scaricate il modello cliccando la parola in neretto, ingranditelo, seguite le foto con le istruzioni e...
Buona creatività a tutti!
Cliccate sopra le immagini per ingrandirle


martedì 18 gennaio 2011

Qua&Là: { 2 }





La mia Casa sull'Albero
 
Se volete conoscere questa suggestiva vita a impatto zero e volare in un attimo a Urnatur in Svezia, cliccate il video qui sotto

W la creatività: Il gioco delle domande o come si chiama...

VIA PINTEREST
Tornate indietro con la memoria... Vi ricordate quel gioco che si faceva tra i banchi di scuola magari durante una noiosa spiegazione di geometria?
Il nome esatto non me lo ricordo proprio, magari a qualcuno verrà in mente.
Ma mi ricordo più o meno come si costruisce e ve lo ripropongo...
Sì è un attacco di nostalgia anni... no non lo diciamo, diciamo solo che le teenagers si divertiranno ancora a farlo e non solo loro ve lo ripropongo per passare qualche ora lieta a ridere e scherzare al calduccio di casetta propria...
cliccate per ingrandire la spiegazione

lunedì 17 gennaio 2011

"... Noi siamo fatti per risplendere come fanno i bambini"

" La nostra paura più profonda non è quella di essere inadeguati.
La nostra paura più grande è che noi siamo potenti al di là di ogni misura.
E’ la nostra luce, non il nostro buio ciò che ci spaventa.
Ci domandiamo: “Chi sono io per essere brillante, magnifico, pieno di talento, favoloso?”.
In realtà, chi sei tu per non esserlo? Tu sei un figlio dell’Universo.
La nostra paura più profonda non è quella di essere inadeguati.
La nostra paura più grande è che noi siamo potenti al di là di ogni misura.
E’ la nostra luce, non il nostro buio ciò che ci spaventa.
Il tuo giocare a sminuirti non serve al mondo.
Non c’è nulla di illuminato nel rimpicciolirsi in modo che gli altri non si sentano insicuri intorno a noi.
Noi siamo fatti per risplendere come fanno i bambini.
Noi siamo fatti per rendere manifesta la gloria dell’universo che è in noi.
Non solo in alcuni di noi, è in ognuno di noi.
E quando permettiamo alla nostra luce di risplendere, noi, inconsciamente,
diamo alle altre persone il permesso di fare la stessa cosa.
Quando ci liberiamo dalle nostre paure, la nostra presenza automaticamente libera gli altri ..."
-  Nelson Mandela  -

domenica 16 gennaio 2011

venerdì 14 gennaio 2011

Un grazie a Turisti per Caso per la recensione della mia Famiglia Millemiglia!


giovedì 13 gennaio 2011

Qua&Là: { 1 }

New York
Firenze

mercoledì 12 gennaio 2011

Parole Animate : { Jane Eyre }

{solo foto sopra di Candice Lesage Austen}  


domenica 9 gennaio 2011

Pillole di Saggezza: { I due Pellegrini }


lunedì 3 gennaio 2011

W la creatività: Idee per la Calza della Befana { Parte 1° }

VIA PINTEREST

Buon Nuovo Anno anche per il nostro ambiente che sembra davvero averne bisogno!
Principio d'anno, quindi, con un progettino molto ecologico, facile come sempre, realizzabile con materiali  reperibili e riciclabili.
Avete presente, la rete che serve per contenere verdure? Ecco un buon materiale che si può trasformare in Calza della Befana o per qualsiasi confezione regalo vi capiti di impacchettare...
Guardate la foto, buona Epifania e... Buona creatività! :)
                    Activity via Pinterest

domenica 2 gennaio 2011

♫ Ci vuole un tappo ♪... per fare una sedia !


Anno nuovo idee nuove!
Allora iniziamo subito a riciclare un semplice tappo che si trasformerà in una minuscola sedia per i giochi dei vostri bimbi o semplicemente in un ninnolo portafortuna ♥
Seguite le spiegazioni nella foto e buona creatività!
VIA PINTEREST
VIA PINTEREST

sabato 1 gennaio 2011

Un Pizzico d'Ispirazione: { Gennaio }

VIA PINTEREST
VIA PINTEREST
VIA PINTEREST
VIA PINTEREST

1 Gennaio : { Giornata della Pace }

VIA PINTEREST
Ancora Buon Anno a tutti voi che siete davvero tanti ( ogni volta che clicco il tasto hits e vedo quanti clicks riceve il mio blog mi impressiono, vi ringrazio e per questo, per tutto, vi sono profondamente grata).
Auguro di tutto cuore che sia per ciascuno, un anno di pace, salute e serenità.
Per iniziare bene questo 2011, allora, regaliamoci le sagge parole animate di Trilussa, poeta popolare e forse anche per questo molto vero e profondo, per riflettere sulla fragilità di una piccola grande parola: Pace.
La Ninna nanna de la guerra
Ninna nanna, nanna ninna,
er pupetto vò la zinna :
dormi, dormi, cocco bello,
sennò chiamo Farfarello 
Farfarello e Gujermone 
Che se mette a pecorone,
Gujermone e Ceccopeppe 
Che se regge co' le zeppe,
co' le zeppe d'un impero
mezzo giallo e mezzo nero.

Ninna nanna, pija sonno
ché se dormi nun vedrai
tante infamie e tanti guai
che succedeno ner monno
fra le spade e li fucili
de li popoli civili

Ninna nanna, tu nun senti
li sospiri e li lamenti
de la gente che se scanna
per un matto che commanna;
che se scanna e che s'ammazza
a vantaggio de la razza
o a vantaggio d'una fede
per un Dio che nun se vede,
ma che serve da riparo
ar Sovrano macellaro.

Ché quer covo d'assassini
che c'insanguina la terra
sa benone che la guerra
è un gran giro de quatrini
che prepara le risorse
pe' li ladri de le Borse.

Fa' la ninna, cocco bello,
finché dura 'sto macello:
fa' la ninna, ché domani
rivedremo li sovrani
che se scambieno la stima
boni amichi come prima.
So' cuggini e fra parenti
nun se fanno comprimenti:
torneranno più cordiali
li rapporti personali.

E riuniti fra de loro
senza l'ombra d'un rimorso,
ce faranno un ber discorso
su la Pace e sul Lavoro
pe' quer popolo cojone
risparmiato dar cannone!
( Carlo Alberto Salustri - Trilussa - Roma, 26 ottobre 1871 – Roma, 21 dicembre 1950)
 
 
 
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...